TIGLIO, tilia, dal greco ptilon=ala, dalla brattea alata dell’inflorescenza.
Albero eccezionalmente longevo, cresce allo stato spontaneo nei boschi europei, è coltivato spesso nelle città nei parchi e nei viali. Ha fiori giallo pallido piccoli e molto profumati raggruppati in lunghi peduncoli.
Si utilizzano i fiori e l’alburno: la seconda corteccia che è considerata un ottimo antispasmodico.
Proprietà: antinfiammatorie, antispastiche, emollienti e sedativi.
Gli antichi pur conoscendolo, non lo utilizzavano in medicina.
E’ consigliato nelle malattie da raffreddamento, come sedativo della tosse, e per il trattamento dei sintomi spasmodici.
Dai fiori del tiglio le api producono un miele fluido, dolce e profumato le cui proprietà sono in parte quelli della pianta.
Curiosità: Un tiglio di medie dimensioni evapora più di 20 litri di acqua al giorno.

Nessun commento ancora

Lascia un commento